Il pane di pasta dura è un pane molto raffinato per appassionati, è un prodotto di antica tradizione la cui produzione è diffusa in tutto il Nord Italia e vede come zona caratteristica e tipica del prodotto la provincia di Ferrara.

A Torino questo tipo di pane è da sempre una specialità in quei laboratori in cui la tecnica di produzione è tramandata in famiglia.

Si chiama “pasta dura” ma questo intende solo la consistenza della pasta con la quale viene foggiata, in realtà può anche essere morbida; è un prodotto molto condito e sfogliato, dal momento che intercala tra gli strati di pasta della farina.

Un tempo nei panifici artigianali era direttamente il titolare ad occuparsi della laminazione della pasta per produrre questo pane, o addirittura il “primo garzone” che addirittura veniva fatto lavorare nascosto da una tenda per non permettere agli altri operatori in laboratorio di carpire i segreti della tecnica di laminazione.

È tagliando con un coltello un pane di pasta dura che ci si può rendere conto del sistema di laminazione, infatti si può notare una stratificazione della pasta in tante pieghe.

La pasta dura può essere paragonata alla sfoglia di pasticceria, per essere chiari, quella usata per produrre i cannoli, oppure le sfogliatelle o la sfoglia per i salatini; qui intercaliamo farina invece che margarina.

Il pane di pasta dura è un prodotto croccante ideale per essere accostato ai salumi o ai formaggi.